09 Gen 2019

IL MIO "OCEANO MARE"

Dove inizia la fine del mare? O addirittura: cosa diciamo quando diciamo: mare? Diciamo l'immenso mostro capace di divorare qualsiasi cosa, o quell'onda che ci schiuma intorno ai piedi? [cit. Oceano Mare di A. Baricco]

Il mio primo incontro con l'Oceano è avvenuto qualche anno fa, in Portogallo. Conobbi l'Oceano Atlantico una domenica mattina, ne rimasi colpita. L'Oceano è immenso, toglie il fiato. Ricordo che l'unica cosa che riuscì a dire fu "wow". Faceva caldo, mi spogliai e in costume da bagno gli corsi incontro. Quando l'onda mi raggiunse restai pietrificata, l'acqua era gelida.

Il mio secondo incontro con l'Oceano è avvenuto in questi giorni, in Congo. L'Oceano è sempre lui, quello Atlantico. Questa volta però sono al di là dell'equatore.

Congo pointe noire ocenao 1

L'Oceano è sempre immenso, le sue spiagge senza fine e dorate brillano, la foresta equatoriale fa da cornice. Un vero paradiso terrestre. Questa volta non indosso il costume da bagno, gli vado incontro vestita. Il vento caldo, dolcemente increspa la sua superficie, si infila tra i vestiti e quando l'onda mi raggiunge la sensazione che provo è quella di un abbraccio caldo e intenso.

Qui a Loango, ai piedi de Le Gorges de Diosso l'Oceano è caldo, come caldo è il cuore di questa magnifica terra: l'Africa.

Letto 371 volte Ultima modifica il Martedì, 16 Aprile 2019 17:44
(0 Voti)

Un giorno Alice arrivò al bivio sulla strada e vide lo Stregatto sull’albero. “Che strada devo prendere?” chiese. La risposta fu una domanda: “Dove vuoi andare?”

Flickr

© 2019 ViaggiandoconAlice.it. All Rights Reserved.